sabato, Giugno 15

Pomezia 2 dicembre 2023- Intervento al congresso del Popolo della Famiglia

2 dicembre 2023-Pomezia ,intervento Luca Calabrese


Un saluto a tutti. Ero venuto qui, con l’intenzione di non parlare di ”Insieme Liberi” ma ascoltando coloro che mi hanno preceduto, ho deciso di cambiare il mio intervento. Quanto a “Insieme Liberi” posso dire che , dopo averne analizzato attentamente lo statuto, sono venuto alla convinzione che non si tratta di una confederazione . La confederazione è strutturata tra organizzazioni . In “Insieme Liberi”,invece l’iscrizione è sempre tra persone fisiche, le quali , iscrivendosi possono o meno rappresentare organizzazioni . Al momento delle elezioni primarie per le candidature politiche , ogni persona fisica vale un voto. L’elezione di coloro i quali saranno candidati alle elezioni politiche o amministrative, non dipenderà dalle organizzazioni in qualche modo anche rappresentate dal proprio simbolo a fianco del logo di “insieme liberi”. In realtà le organizzazioni anche se espongono il simbolo non avranno alcun potere e saranno facilmente bypassate dai singoli .Insieme Liberi ha la natura di un partito , non la struttura della confederazione. Inoltre bisogna considerare che in Insieme Liberi ,è presente una corrente abortista ed Eutanasica e sappiamo che in questi casi di disaccordo contano i rapporti di forza dati dai voti. Mi chiedo : al di là delle certe ottime intenzioni,quale forza concreta avrebbero in quel contesto i candidati del PDF ?
C’è il concreto rischio di far passare l’immagine di Insieme Liberi come quella di un partito pro life, che in realtà poi, potrebbe concretamente fare scelte opposte, come ad esempio FDL
Per concludere : Insieme Liberi è null’altro che un partito concorrente del PDF , HA TRATTI INNOVATIVI NELL’ARCHITETTURA STATUTARIA , nel senso di ottime aperture alla democrazia interna e non c’è un vero proprietario del logo del partito, ma ripeto, non è una confederazione ,solo un partito concorrente
Non dimentichiamocelo mai , nella storia della Repubblica Italiana , il PDF è l’ unico partito consacrato alla Santa Vergine Maria, evitiamo di metterlo da parte per una cosiddetta “Confederazione”
Ma io sono venuto qui stasera , e domani mattina andrò via presto, per ricordarvi l’importanza ,anche e soprattutto in politica,del principio del “Nascondimento di Dio come fondamento della Democrazia” Già l’anno passato, allo scorso congresso, ne avevo parlato , ma nessuno mi ha ascoltato. Questa sera replico e spero in miglior fortuna.
Ecco spiegato in 40 secondi , il “Nascondimento di Dio come fondamento della democrazia”
partiamo dalla libertà religiosa : la liberta religiosa è la liberta di credere in dio, non credere o credere come si vuole
se Dio fosse evidente ,se cioè un fosse un Dio dell’esistenza del quale non si può dubitare come il sole che splende a mezzogiorno, la liberta religiosa non potrebbe esistere
quindi è il nascondimento di Dio che fonda la libertà religiosa , e la liberta religiosa è pilastro fondante della democrazia, almeno come intesa in occidente.
Per questo possiamo affermare che il nascondimento di Dio è fondamento della democrazia
Quali sono le applicazione anche politiche del principio : Il nascondimento di Dio come fondamento della democrazia ?
sappiamo che l’Europa del futuro,ma è così già oggi , sarà un Europa in calo demografico,salvo che per alcune etnie, in particolare di area mediorientale o africana, perlopiù etnie di fede islamica. Attenzione ,non sono qui a parlare del pericolo terrorismo, che pure esiste.
Alla minoranza che sarà, per non finire in dimmitudine, cioè essere sottomessa, serve un principio che evidenzi ciò che unisce le sue diverse parti,un principio che sorregge tutte le nostre libertà fondamentali e che l’Islam non ha,perché l’islam è fondato su un principio cardine che è un suo dogma e consiste nel principio dell’evidenza di Dio . Principio che si contrappone a quello del nascondimento . Per l’Islam, Dio è esattamente il sole che splende a mezzogiorno. Per questa ragione l’islamico che si converte ad altra religione è reo di morte. Avrete certamente compreso come quanto ho detto finora ,faccia riferimento al Dio nascosto riportato nei “pensieri” del filosofo Blaise Pascal :”Vi è abbastanza luce per coloro che desiderano soltanto vedere,e abbastanza oscurità per coloro che hanno una disposizione contraria”. C’è un bel testo che lo riporta : Jean Mesnard -Sui “ pensieri” di Pascal –edizioni Morcelliana-pag 327
Mi direte, ai tempi di Pascal, lo stesso destino veniva riservato all’ebreo relapso, cioè l’ebreo che convertito al cristianesimo ritornava alla fede ebraica. E’ vero ,ma questo è un caso nel quale la mentalità dell’epoca trattava il Dio Cristiano ,come un dio evidente. Da allora c’è stato un cammino di vera laicità,che a mio giudizio , nulla a che vedere con la follia della rivoluzione francese , ma invece con tutta la storia della salvezza e si riassume al nostro tempo, nella festa di Cristo Re,che lo sappiamo ,è la festa del nascondimento di Dio. Il ricordo della regalità divina nascosta nell’umanità di Gesù , il quale non manifesta in modo evidente la sua natura divina sottraendosi con un miracolo alla passione e alla croce, perché ,come Gesù stesso afferma davanti a Pilato :”Il suo regno non è di questo mondo
Un cammino di laicità, di separazione tra autorità religiosa e autorità civile , che parte dal “credi se vuoi” di stampo evangelico , ma ancora da prima , dalla chiamata di Abramo ed è sostenuto, a mio giudizio , da tutta la storia della salvezza ,
Vado a concludere : cosa chiedo al PDF ?; bene, chiedo di prendere in considerazione
la possibilità di inserire nello statuto del PDF il principio del “Nascondimento di Dio come fondamento della democrazia” . A mio parere l’Europa,soprattutto quella che sarà una nuova Europa, ha bisogno di inserire nel cuore della sua identità questo principio
Saluti a tutti
Luca Calabrese